Di Matteo Pizzuti

Un EP di soli otto minuti, nove brani ne fanno parte ed è già grandioso così, l’EP degli Spoiled scorre veloce e mentre scrivo questa recensione faccio in tempo a sentirlo circa tre o quattro volte di fila, ma lasciamo da parte l’eccitazione e l’incredulità e passiamo a loro.

Gli Spoiled sono (o erano? Ma di questo parliamo più avanti) un gruppo thrashcore di Modena sulla scia di band come D.R.I. e Municipal Waste. Quindi cosa mi ha colpito? Parliamo di un genere molto scarno, e lo dico da adoratore del genere, dove spesso si fa fatica a distinguere un gruppo dall’altro. Cosa mi ha spinto a capire che questa era roba che fa male? La voce innanzitutto. Raramente ho sentito voci così furiose e incazzate.

Stef, la cantante, urla come un demone, mantenendo il tono di voce stabile in ogni grido, ricorda quasi Sabina Classen degli Holy Moses, ma più acuta, più diretta, senza ricorrere all’ ”ausilio” di scream, growl o altri vocalizzi. Solo un urlo graffiante e diretto in faccia, come urlo di una persona che, dopo anni di bastardate, ne ha avuto abbastanza, ora non può tenersi più tutto dentro.

Un’altra cosa che mi ha colpito è la durata e la totale assenza di assoli di chitarra. Molte band del genere, spesso, tendono ad ingrossare molto più la parte metal del genere e snobbare quella punk, perdendo spesso tempo dietro assoli, cambi di tempo o di riff. Qui no, qui la canzone più lunga dura un minuto e sette secondi, non c’è tempo per gli assoli. E anche ci fosse tempo, non gliene frega nulla agli Spoiled, col tempo che avanza, ci si fa un’altra canzone, al massimo. O altre due.

Sconsiglio vivamente alle persone con molta rabbia repressa di ascoltare gli Spoiled, perché potrebbero far uscire fuori tutta questa rabbia, potrebbero trasformarvi in persone pericolose. Quindi, in effetti, forse allora ve lo consiglio.

Ma arriviamo alle note dolenti:

Dopo una breve chiacchierata con Stef, l’urlatrice sopracitata, mi ha rivelato che gli Spoiled non sono più attivi. PEZZA IMMANE. Ma non tutto è perduto, e qui aprite bene le orecchie:

Sono alla ricerca di chitarrista e bassista lì a Modena, per ricominciare sotto un altro nome. Se siete disponibili, per piacere aiutateli, perché ne vogli altri 100 di EP come questo!

Nel frattempo, lo faccio ripartire. Sì, per la quinta volta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *